Per poter desalinizzare l’acqua, i pori delle membrane devono essere grandi circa un millimetro. Questo potrebbe presto rivelarsi un modo per aiutare le popolazioni in difficoltà, dove l’acqua è spesso un bene prezioso e molto raro: a differenza dei costosi impianti di acquedotti, questo sistema potrebbe semplicemente creare acqua potabile da una fonte praticamente inesauribile: il mare.

Per poter desalinizzare l’acqua, i pori delle membrane devono essere grandi circa un millimetro. Questo potrebbe presto rivelarsi un modo per aiutare le popolazioni in difficoltà, dove l’acqua è spesso un bene prezioso e molto raro: a differenza dei costosi impianti di acquedotti, questo sistema potrebbe semplicemente creare acqua potabile da una fonte praticamente inesauribile: il mare.

Una ricerca simile messa a punto dall’Università canadese della British Columbia, attraverso alcune membrane, riesce a depurare l’acqua non potabile rimuovendo più del 99% di batteri e contaminanti.

Niente sostanze chimiche e complessi macchinari: basta aprire e chiudere le membrane per circa un paio d’ore. I primi a testare questa seconda nuova tecnologia saranno alcune famiglie canadesi distanti dai centri abitati. Ne ha parlato anche il Tg Leonardo. Il VIDEO:

Fonte: www.globochannel.com