1016
1016Una delle differenze più evidenti tra i media russi e quelli occidentali è che il tema di una possibile guerra è costantemente discusso dai russi e quasi mai dagli occidentali. In Russia, gli articoli piu’ importanti discutono i rischi di guerra, come del resto lo fanno molti personaggi noti, e nei talk-shows il tema è altrettanto ricorrente. Anche Putin ha recentemente dichiarato di non ritenere probabile una guerra. È come se la Russia e l’Occidente fossero due treni sugli stessi binari, che vanno a tutta velocità l’uno verso l’altro, con una differenza sostanziale: il “treno” occidentale procede con gli occhi chiusi, mentre il treno russo tiene gli occhi spalancati.

 




La seconda grande differenza è la rabbia e la determinazione espresse dai russi di tutti i ceti sociali. La frase più spesso sentito ora è “Русские не сдаются” (I russi non si arrendono). I russi trovano sorprendente e assolutamente pazzesco che i “leaders” occidentali, a quanto pare, si siano convinti che i russi “chiudano gli occhi” e si lascino spaventare da Obama, e non difendere il Donbass. L’umore è: “se volete veramente una battaglia, ve la daremo”.

Presento un esempio estratto dai social media russi e dalla blogosfera. Oggi, un lettore ha postato un link a un video russo (grazie!), Che voglio postare qui, cui aggiungo un video visto in precedenza.

Guardare questi video e non siate troppo pronti a definirli irrilevanti. Sono l’espressione dello stato d’animo di una grande parte della società russa, che è mentalmente già entrato in quello che definirei uno “stato mentale di guerra”.





 


 
Ignorare questi “avvertimenti sociali” sarebbe un errore enorme. Mi è stato detto più volte che la Russia è pronta per la guerra. La cosa non mi reca alcun piacere, (in realtà mi fa paura), ma credo che questo avviso debba essere distribuito nel modo più ampio possibile: la Russia non “chiude gli occhi” e la Russia non si arrenderà. La Russia non attaccherà per prima – che è una sciocchezza assoluta – ma se viene attaccata, risponderà con tutte le forze a sua disposizione.

Fonte Il Saker

Tratto da www.controinformazione.info