1720
1720Con la primavera inoltrata e l’estate alle porte, molti si accingono a preparare frutte e conserve in casa, anche con le verdure del proprio orto. Ma bisogna stare molto attenti. Se fatto nel modo sbagliato, le verdure possono essere contaminate dal germe causa del botulino.

A ricordarlo sono i Centers for disease control (Cdc), che forniscono alcuni consigli su come proteggersi ed evitare conseguenze drammatiche. Se si vuole conservare verdure, carne, pollame e pesce, bisogna usare la pentola e barattoli a pressione.

Solo cosi’ si uccide il germe del botulino quando il cibo e’ lavorato al momento giusto. In questo caso, bollire in acqua i barattoli non va bene, perche’ cosi’ non si evita l’avvelenamento da botulino.

Per la frutta e le marmellate invece si possono bollire i barattoli in acqua. Il germe del botulino si trova nel suolo e puo’ sopravvivere, crescere e produrre tossine in vasetti sigillati con cibo.



La tossina colpisce i nervi, paralizzando e causando anche la morte. Basta anche un piccolo assaggio di cibo contaminato per morire. Se si avverte qualcuno di questi sintomi gia’ dopo le prime 6 ore dal consumo o fino a 10 giorni dopo, come vedere doppio o annebbiato, palpebre cadenti, discorsi confusi, difficolta’ a ingoiare, labbra secche e debolezza muscolare, bisogna subito andare in ospedale.

I cibi conservati a casa, anche se contaminati, possono avere un aspetto, odore e sapore normale. Se si ha qualche dubbio sulla loro sicurezza, meglio non mangiarli e gettarli via.

Puo’ esserci contaminazione se il contenitore ha delle perdite, e’ colmo o gonfio, se sembra danneggiato, spaccato o anormale, se schizza fuori del liquido o schiuma una volta aperto, se il cibo e’ ingiallito, ammuffito, o ha un cattivo odore.

Non assaggiare o odorare mai per capire se e’ il cibo e’ contaminato. Gli oli con aglio ed erbe vanno conservati in frigo mentre e’ bene non dare miele ai bambini con meno di un anno, perche’ puo’ contenere botulino. Sono semplici consigli, ma possono salvare la vostra vita e quella dei vostri cari.

Fonte: Redazione Milano per  www.ilnord.it

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere