4275
Brexit & Alta Corte: non ve la dicono tutta!

“molti dei nomi dei registi del ricorso sono rimasti gelosamente custoditi nei computer dello studio. Quanto agli altri sostenitori della causa, si sa solo che fra di essi si trovano figure di punta del mondo degli affari e dell’industria. «Non posso aggiungere altro per non dare adito a inesistenti teorie del complotto» «Se tirassimo fuori i nomi, saremmo tacciati di essere l’élite di Londra che vuole rovesciare la volontà del popolo».”

E questo era il Corriere della Sera stamattina, non Byoblu. Dunque Peter Sutherland, per 20 anni Presidente di Goldman Sachs, ex presidente British Petroleum e poi alto rappresentante delle Nazioni Unite, che il 25 giugno scorso l’aveva giurata, in pubblico, spronando a ribaltare con ogni mezzo il risultato del referendum, ha fatto in modo che le sue parole avessero un seguito.

Oltre ai riccorrenti, che non sono altro se non la crema delle élite più ricche di Londra (e non solo), uno dei tre giudici dell’Alta Corte che ha valutato sul ricorso, Lord Thomas, ha fondato un gruppo di “Diritto Europeo” che si occupa dell’integrazione giuridica europea, e tra maggio 2008 e dicembre 2010 è stato presidente dell’ “European Network of Counsils for the Judiciary”. Un conflitto di interessi grosso come una casa!




Il Parlamento è sovrano, dice l’Alta Corte dopo il ricorsi di Gina Miller, che con suo marito Alan gestisce ogni giorno nientemeno che un Hedge Fund (hai capito chi sono questi “attivisti” che hanno fatto ricorso, così interessati alla democrazia?). Il Parlamento è sovrano, certo. Ma la sovranità del Parlamento deriva dal popolo, che “delega” il Parlamento a rappresentarlo nelle decisioni comuni. Ma quando il popolo è interpellato direttamente, il Parlamento non può sottrarsi dalla ratifica della sua volontà, chiaramente espressa secondo le regole della democrazia con un referendum. Cercare di sovvertire l’indirizzo conferito dal popolo sovrano, accampando come scusa la sovranità di un Parlamento che è sovrano solo in quanto è il popolo ad autorizzarne la sovranità, è intellettualmente abominevole.

Ognuno faccia i conti con la sua coscienza, non con me.

Fonte canale youtube di byoblu

CONTINUA A LEGGERE >>