3840

Decine di migliaia di persone sono scese per le strade di Bruxelles  martedì, contrari alle politiche di libero mercato del governo di centro-destra.

Le riforme di austerità vedranno tagli ai servizi pubblici, un vero e proprio taglio salariale del 2%, la flessibilità applicata nelle ore di lavoro settimanali e una riduzione delle pensioni e un innalzamento dell’età pensionistica.

“Oggi abbiamo una pensione abbastanza confortevole, ma domani andranno a fare la stessa cosa che hanno fatto per i pensionatigreci, che è il taglio del 20% e poi un altro 20%?“, Ha detto un manifestante.



I sindacati dicono che le riforme previste hanno tagliato le fondamenta del welfare del Belgio.

Un piccolo numero di manifestanti si è scontrato con la polizia, lanciando sassi. Almeno un poliziotto e diversi manifestanti sono stati feriti.

Ulteriori manifestazioni e scioperi nazionali sono previsti nei prossimi mesi.

Fonte: www.misteriesciechimiche.org

Non perdetevi i nuovi aggiornamenti, seguiteci nella App per cellulari 




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere