Succo di aloe vera fai-da-te, tonico e disintossicante – di Salute Bio

Attualmente si ritiene che il principale meccanismo biochimico responsabile del processo di invecchiamento sia costituito dalle aggressioni minime e continue da parte dei radicali liberi che continuamente si formano nell’organismo, nei confronti del patrimonio genetico e degli altri costituenti della cellula, sottoposti quotidianamente a miliardi di attacchi. Questo ne determina invecchiamento, infezioni, infiammazioni.




A cosa fa bene il succo di aloe vera. I composti attivi del succo di aloe vera sono utili per favorire l’eliminazione delle tossine che si accumulano nel flusso sanguigno, nel fegato e nei reni.

Il consumo moderato di questa bevanda previene il danno cellulare e alcuni disturbi cronici associati all’intossicazione del sangue.

Come e quanto berne. Il succo di aloe vera si ottiene dal gel delle foglie di aloe e la sua assunzione è consigliata a stomaco vuoto al mattino e anche 30 minuti prima dei pasti, in dosi da 20 ml di succo a un massimo 60 ml al giorno.




L’aloina è il principio attivo ad azione lassativa che si trova nella scorza delle foglie di aloe. La parte interna della foglia dove si trova il gel quindi, non contiene aloina.

L’effetto dell’aloina può risultare lassativo ad alti dosaggi ed è invece un ottimo tonico per l’intestino a bassi dosaggi.

Solitamente le sostanze purganti dell’aloe vengono tolte o diminuite nei succhi liquidi da bere, proprio per abbassarne l’effetto lassativo.

Come preparare un succo di aloe vera a casa tua

La preparazione di succo da gel di aloe vera è una ricetta che si può fare anche con la pianta che coltiviamo a casa nostra, se rispettiamo il procedimento e siamo un po’ attenti nella pulizia e nel processo estrattivo.

Raccogliere le foglie di aloe recidendo con un coltello ben affilato alla base della foglia. Le foglie più sane e alla base della pianta sono più grandi e più facili da lavorare.

Le foglie vanno lavate con acqua, strofinando e togliendo la terra e la polvere. Successivamente, pulirsi accuratamente le mani con detergente sanificante o mettersi i guanti per evitare qualsiasi contaminazione.

Tagliare per la lunghezza un lato della foglia ed asportare tutta la parte verde e gialla, mantenendo solo il gel vischioso trasparente che con un cucchiaio sarà sufficiente separare e mettere subito nel frullatore.

L’ossidazione che avviene a contatto con l’aria fa perdere alcune sostanze benefiche quindi più velocemente lavoriamo meglio sarà.

Nel frullatore potremo aggiungere succhi di frutta ad esempio di agrumi al 100% e poi attiveremo l’elettrodomestico sino ad ottenere il succo dell’omogeneità desiderata.

Il succo di aloe può essere consumato fresco oppure conservato in frigorifero sino ad un massimo di 15 giorni, in un barattolo di vetro, meglio se scuro, precedentemente pulito e sterilizzato. Fonte: soluzionibio

Tratto da: www.informarexresistere.fr

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore, l’articolo è solo a scopo informativo.