862
862– di Francesco Miglino –

SCIVOLIAMO SOTTO IL TACCO DELLA PIU’ DISUMANA DELLE DITTATURE: QUELLA DEGLI USURAI DI RITO PRIVATO NORD-AMERICANO CHE HANNO SCIENTIFICAMENTE STUDIATO OGNI PASSAGGIO PER STRITOLARE LA NOSTRA LIBERTA’ E LA NOSTRA ESISTENZA.
La polizia EUROGENDERFOR non risponde delle proprie azioni alla Magistratura, né ai Governi nazionali né al Parlamento europeo; la sua sede è inviolabile come inviolabili sono i suoi archivi e la sua corrispondenza:




  • i suoi membri non possono subire i procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emessa contro di loro;
  • la magistratura non può indagare su di loro;
  • nessun magistrato può disporre la perquisizione dei locali delle loro sedi.

*** L’ EUROGENDERFOR ha il potere di guidare, supervisionare le forze di polizia di stato (Carabinieri, Polizia di Stato ecc.) nello svolgimento delle ordinarie mansioni, ivi compresa l’ ATTIVITA’ DI INDAGINE PENALE: ha nelle sue mani l’ arbitrio assoluto.

***L’EUROGENDERFOR e’ pagato dagli Italiani e, senza che sia stato chiesto il nostro consenso, viene insediato sul territorio nazionale, a Vicenza, con potere di vita o di morte sui cittadini, perché non risponde del suo operato né ai nostri organi di giustizia, né al nostro Stato, né al Parlamento europeo.

***La sua struttura, il suo funzionamento e gli stipendi vengono pagati dal paese ospitante, cioè dall’Italia, essendo Vicenza la sede di questa polizia di intoccabili: è tutto specificato nel TRATTATO di VELSEN.




***Gli usurai utilizzeranno questo corpo poliziesco quando le condizioni in cui ridurranno il nostro Paese saranno talmente disumane che la ribellione degli Italiani sarà inevitabile.

***Stiamo perdendo i nostri averi, la nostra tranquillità sociale e soprattutto la LIBERTA’.
***E tutto passa sotto silenzio con l’ attiva collaborazione della più infame delle categorie professionali: gli informatori asserviti e prezzolati per occultare questi avvenimenti, in modo che il popolo non possa sapere, capire e difendersi.
Fonte: Sovranità Popolare

Tratto da www.informarexresistere.fr