1355
1354“E’ ora di confessare – ha scritto l’ex-astronauta – La missione di Apollo 11, che ha portato per la prima volta l’uomo sulla Luna, è stata una messinscena. Nulla di ciò era reale.”

Certo, già che c’era poteva anche scegliere di fare una vera intervista, per fare una dichiarazione del genere, …




… ma evidentemente il coraggio non è mai stato una dote per quest’uomo. Ma anche così possiamo accontentarci. 

Avete presente tutti quelli che dicono che “per fare un complotto del genere bisogna coinvolgere migliaia di persone, e prima o poi qualcuno parlerebbe”? Ebbene, ora vedremo che cosa si inventano i sostenitori delle missioni Apollo, di fronte al fatto che qualcuno ha parlato. E non si tratta di un “qualcuno” preso a caso fra i mille impiegati anonimi della NASA: si tratta di Buzz Aldrin in persona, il “secondo uomo sulla luna”, e grande ambasciatore nel mondo della agenzia aerospaziale americana. 

Io azzardo una scommessa: entro 24 ore ci sarà sicuramente qualcuno che dirà che Buzz Aldrin è semplicemente impazzito, oppure che è alla ricerca di un ultimo sprazzo di popolarità. Diranno di tutto, vedrete, pur di non riconoscere che sono stati presi sonoramente per il sedere, e proprio da uno dei loro eroi preferiti.




Massimo Mazzucco 

Buzz Aldrin Admits Apollo 11 Moon Landings Were FAKE

Fonte www.luogocomune.net