3611
Il Parlamento francese ha approvato una legge che vieta ai grandi supermercati lo smaltimento di prodotti alimentari che non vendono e di consegnarli alle organizzazioni di assistenza sociale, garantendo che i prodotti siano in perfette condizioni. Così, la Francia è diventata il primo paese al mondo a punire i supermercati alimentari che gettano gli scarti.

Lo standard è stato approvato nel 2015, ma entra in vigore da quest’anno e ha come obiettivo quello di forzare i supermercati a non danneggiare o eliminare il cibo e fornendolo in perfetto stato alle organizzazioni sia sociali che caritative per ulteriore distribuzioni. Così, la legge vieta espressamente ai supermercati di continuare la loro abitudine di rovinare il cibo in modo che non possa essere consumato, cosa che accadeva di solito negli ultimi anni, quando molti usavano gettare cibi con prodotti da pulizia scaduti in modo da impedire che qualcuno li recuperasse.

Per quanto riguarda la legislazione, le catene alimentari come Carrefour, il più grande datore di lavoro in Francia, hanno espresso sostegno per l’attuazione della legge, ma hanno anche sottolineato che il settore proseguirà ad effettuare donazioni regolari.



Nel frattempo, i rappresentanti delle varie istituzioni di assistenza sociale hanno mostrato il loro sostegno per la regola, mentre impegnati a gestire le risorse correttamente e sotto controllo. Jacques Bailet, direttore del Banques Alimentaires , una rete di banche alimentari in Francia ha detto al Guardian che la misura “può aumentare la varietà e la qualità del cibo che ricevono“, aggiungendo che “in termini dinutrizione, vi è attualmente un deficit di carne, frutta e verdura mancante “ che finora consentito alle organizzazioni di avere una varietà di alimenti che promuovono un apporto equilibrato.

Si osserva che la norma richiede anche che gli istituti di credito sociali aiutino a distribuire il cibo in “modo dignitoso“, vale a dire, aiutando i siti che promuovono l’incontro e il dialogo tra le persone, e non solo “in coda” per ottenere aiuto .

Attualmente ci sono diversi progetti che cercano di attuare questa misura in tutta l’Unione europea.

La misura fa parte di una crescente catena di mercato su larga scala sui propri rifiuti di “critica sociale”. Recentemente, un giovane degli Stati Uniti ha dichiarato essersi nutrito esclusivamente con i contenitori di scarto nei supermercati per due mesi , nell’ambito di un ricorso per dimostrare la quantità di cibo buttata via ogni anno nel mondo, e la necessità di promuovere un consumo responsabile.

Fonte: http://construirtv.com

Tratto da: www.globochannel.com

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere