1371
1371Negli USA chi non riesce a pagare anche il più piccolo dei debiti finisce in galera!

Quanto sta accadendo negli Stati Uniti è qualcosa di incredibile, anche per le modalità in cui il tutto avviene. L’articolo che vi proponiamo di seguito illustra molto bene la persecuzione che subiscono i cittadini più poveri, che non riescono a pagare i debiti.




La povertà in USA è una colpa evidentemente, da espiare in carcere. Non solo. I processi sentenziano multe improponibili per chi già non riusciva a pagare i debiti, facendo sprofondare le persone in un baratro.

Se i metodi equi-taliani vi sembrano duri, antidemocratici e spietati, aspettate di capire quello che sta accadendo negli States, e forse anche Equitalia vi sembrerà democratica.La cosa preoccupante, sta nel fatto che ciò che oggi avviene in USA, domani avverrà da noi.

E’ così in ambito tecnologico, ed è così a livello di leggi, visto che l’America viene considerata un paese “libero e democratico”… In Usa se sei povero, non consumi e non produci, sei inutile, non hai dignità, sei un nemico pubblico da combattere e distruggere.




PENSATE CHE LE BANCHE PIGNORANO LE ABITAZIONI ALLE FAMIGLIE E LE DEMOLISCONO, PERCHE’ SE CI SONO TROPPE CASE VUOTE IL MERCATO IMMOBILIARE PERDE VALORE!Negli Stati Uniti esplode il fenomeno dei debtor’s prisons: cittadini in difficoltà economiche vengono arrestati perché non in grado di pagare i propri debiti

A volte basta una multa non pagata per finire in galera. Almeno questo succede in Georgia, dove la “caccia” al povero è diventata un business molto redditizio.

Prendete il caso di Patrick, 38 anni, sposato con due figli. Ha perso casa e lavoro da impiegato in un motel e ora è alle prese con lavoretti saltuari e carta di credito in rosso. Un giorno, pur di arrivare puntuale al posto di lavoro dove l’uomo è addetto alle pulizie, ha spinto troppo l’acceleratore della sua vecchia Ford. Un agente della polizia l’ha fermato e sanzionato con 150 dollari per eccesso di velocità. Tra pagare l’affitto e la multa, Patrick ha scelto il tetto della famiglia. Ma la municipalità l’ha citato un giudizio. A suo carico tutte le spese legali. Non potendo saldare il dovuto, l’uomo finisce nel vortice delle probation companies, le società private che si occupano della vigilanza domiciliare per i condannati a pene minori. Il costo del bracciale elettronico che gli cinge la caviglia è di 3 mila dollari l’anno. Patrick non riesce a rimborsare neppure le prime rate e finisce in carcere per circa sei mesi a fianco di criminali comuni.
Come nel Settecento

La sua stessa disavventura, di piccoli debiti che diventano insormontabili, succede a migliaia di cittadini americani indigenti.Soprattutto nel sud: in Georgia, che ha il più alto tasso di incarcerati (in certe contee supera il 15% ) per reati amministrativi, ma anche in Alabama, Mississippi, Arizona, Arkansas. Sono i debtor’s prisons. Proprio come nel settecento. «Le contee e le città», dice Sarah Geraghty, legale al Southern Human Rights Center di Atlanta, «stanno usando il sistema giudiziario per fare soldi alle spalle dei cittadini più poveri». E come se non bastasse anche il privato ha colto l’opportunità di fare profitti. «Ci sono più di 500 società private che si occupano di vigilanza dei condannati per reati minori. Sono poco regolamentate, per nulla trasparenti, ma stanno guadagnando milioni».Il ruolo del non profit

Il Southern Human Rights Center è una delle poche realtà non profit che presta gratuitamente (si finanzia attraverso donazioni) – difesa legale alle vittime di un sistema giudiziario ormai votato al for profit. Questo centro è nato negli anni ’70 per fare da argine alle ingiustizie di prigioni sul punto di esplodere, dove la popolazione è balzata in pochi anni da 200 mila a 2 milioni di persone. Secondo il 14 esimo Emendamento lo Stato non può incarcerare un individuo per debiti. E anche la Corte Suprema ha giudicato incostituzionale tali pratiche. Ma diversi tribunali locali si appellano all’idea che la persona sotto processo non ha fatto di tutto per sdebitarsi.

«Non ha smesso di fumare, avrebbe potuto vendere il telefono», queste sono le osservazioni più frequenti dei giudici. E le compagnie private di probation scorrazzano indisturbate. Secondo l’Aclu, l’American civil liberties association, la galera per chi ha debiti sta diventando un problema nazionale, e non solo del sud. Nella contea di Bentos, nello stato di Washington, un quarto delle persone in gattabuia, perde la libertà perché non sono riusciti a saldare i conti con i creditori.

Fonte – Fonte  Fonte

Tratto da www.informarexresistere.fr