Nel più grande studio del suo genere, le persone che hanno mangiato una manciata di noci al giorno avevano il 20% di probabilità di morire per qualsiasi causa nel corso di un periodo di 30 anni rispetto a quelli che non consumano frutta a guscio, affermano gli scienziati del Dana-Farber Cancer Institute, Brigham and Women Hospital e della Harvard School of Public Health.

Il loro rapporto, pubblicato sul New England Journal of Medicine, contiene un’ulteriore buona notizia. I regolari mangiatori di noci sono risultati essere più snelli rispetto a quelli che non hanno mangiato noci, una constatazione che dovrebbe alleviare la preoccupazione diffusa che mangiare un sacco di noci porta al sovrappeso.

La relazione ha anche esaminato l’effetto protettivo sulle cause specifiche di morte.

“Il vantaggio più evidente è stata una riduzione del 29 per cento delle morti per malattia di cuore – il killer di persone in America”, ha detto Charles S. Fuchs, MD, MPH, direttore del Gastrointestinal Cancer Center a Dana-Farber, che è il l’autore senior del rapporto. “Ma abbiamo anche visto una riduzione significativa – l’11 per cento – del rischio di morire di cancro”, ha aggiunto Fuchs, che è anche affiliato con la Divisione di Medicina Channing Network presso il Brigham and Women di.

Se ogni specifico tipo o tipi di noci sono stati cruciali, l’effetto protettivo non può essere determinato. Tuttavia, la riduzione della mortalità era simile sia per le arachidi che per le “noci” (noci, nocciole, mandorle, noci del Brasile, anacardi, noci macadamia, noci pecan, anacardi, pistacchi e pinoli).

Diversi studi precedenti hanno trovato un’associazione tra l’aumento del consumo di noci e un minor rischio di malattie come le malattie cardiache, diabete di tipo 2, cancro del colon, calcoli biliari, e diverticolite. Maggiore consumo di noci è stato anche legato alla riduzione dei livelli di colesterolo, stress ossidativo, infiammazione, adiposità, e insulino-resistenza. Alcuni piccoli studi hanno collegato l’aumento noci nella dieta di mortalità totale più bassa in popolazioni specifiche. Ma nessuno studio precedente aveva esaminato in dettaglio a vari livelli di consumo di noci e del loro effetto sulla mortalità generale in una grande popolazione che è stato seguito per oltre 30 anni.



Per la nuova ricerca, gli scienziati sono stati in grado di attingere database da due studi osservazionali in corso noti che raccolgono dati sulla dieta e altri fattori di stile di vita e diversi risultati di salute. Il Nurses ‘Health Study ha fornito dati sulle 76.464 donne tra il 1980 e il 2010, e Health Professionals’ Follow-up Study ha prodotto i dati relativi su 42.498 uomini in un periodo compreso tra il 1986 e il 2010. I partecipanti agli studi hanno compilato i questionari dettagliati sul cibo ogni 2-4 anni. Con ogni questionario alimentare, ai partecipanti è stato chiesto di valutare quanto spesso hanno consumato le noci in una porzione di un’oncia. Un piccolo pacchetto tipico di arachidi da un distributore automatico contiene una oncia.

Metodi di analisi dei dati sofisticati sono stati usati per escludere altri fattori che possono aver contabilizzato i benefici di mortalità. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che le persone che mangiavano più frutta a guscio erano più magri, meno propensi a fumare, e più propensi a esercitare, utilizzare integratori multivitaminici, consumare più frutta e verdura, e bere più alcol. Tuttavia, l’analisi è stata in grado di isolare l’associazione tra dadi e mortalità indipendentemente da questi altri fattori.

“In tutte queste analisi, le persone che mangiavano più noci avevano meno probabilità di morire durante il periodo dei successivi 30 anni“, ha spiegato Ying Bao, MD, ScD, del Brigham and Women Hospital, primo autore della relazione. Quelli che mangiavano le noci meno di una volta alla settimana avevano una riduzione del sette per cento della mortalità, una volta a settimana, riduzione del 11 per cento; 2-4 volte alla settimana, riduzione del 13 per cento; 5-6 volte alla settimana, riduzione del 15 per cento, e sette o più volte alla settimana, una riduzione del 20 per cento nel tasso di mortalità.

Gli autori fanno notare che comunque questo grande studio non può dimostrare definitivamente la “causa ed effetto“. Ciò nonostante, esiste già un’enorme quantità di dati degli studi osservazionali e clinici esistenti che sostengono benefici per la salute del consumo di noci su molte malattie croniche”, tuttavia, i risultati sono fortemente coerenti con In realtà, sulla base di studi precedenti, la US Food and Drug Administration ha concluso nel 2003 che mangiare 1,5 once al giorno di frutta a guscio “può ridurre il rischio di malattie cardiache”.

Fonte: http://medicalxpress.com/news/2013-11-large-links-nut-consumption-death.html

Tratto da: www.globochannel.com

CONTINUA A LEGGERE >>








_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere