https://www.sapereeundovere.com
https://www.sapereeundovere.comDi Michael Ravensthorpe

Insieme con gli spinaci e i cavoli, i broccoli sono una delle più nutrienti verdure “normali” esistenti. Essi,sono stati visti come valore unico tra gli antichi romani per le notevoli proprietà curative.

Quando gli immigrati italiani hanno introdotto i broccoli negli Stati Uniti agli inizi del 20° secolo, divenne un ortaggio preferito tra i coloni, e la sua popolarità continua a crescere oggi. Il consumo di broccoli è aumentato del 94 per cento in Occidente negli ultimi 25 anni – probabilmente perché un numero sempre crescente di studi mostrano solo quanto è buono per noi (1). 

Contiene isotiocianati fondamentali nella lotta contro il cancro

La ricerca ha dimostrato che i broccoli sono efficaci nel prevenire e trattare diversi tipi di cancro. Ad esempio, una recensione pubblicata in  Endocrine Metabolic & Immune Drug Discovery in 2013″,ha concluso che le verdure come i  broccoli hanno attività anti-tumorali. I ricercatori hanno anche notato che gli isotiocianati di broccoli, che sono antiossidanti conosciuti, potrebbero “inibire la vitalità cellulare delle cellule tumorali cervicali umane, le cellule tumorali pancreatiche umane, cellule di carcinoma epatocellulare umane, cellule di cancro ovarico umano, e hanno proprietà anti-infiammatorie nel trattamento di cellule di leucemia a cellule T umane. “(2)

Un’altra recensione pubblicata in Asia Pacific Journal of Cancer Prevention nel 2013 ha anche attribuito benefici anti-cancro dei broccoli alla sua concentrazione di isotiocianati, anche se i ricercatori hanno ammesso che l’effetto chemiopreventivo di questi composti non è ancora pienamente compreso. (3)

Ricco di vitamine C e K

Una tazza di broccoli tritati ci fornisce 135 per cento della nostra indennità giornaliera raccomandata (RDA) di vitamina C e il 116 per cento del nostro RDA di vitamina K. (4) Oltre ad essere un potente antiossidante che aiuta a pulire i radicali liberi che danneggiano le cellule dal corpo, la vitamina C aiuta anche la sintesi del collagene (una parte essenziale del nostro tessuto connettivo), fornendo in tal modo benefici anti-invecchiamento. La vitamina K, invece, favorisce la formazione di coaguli di sangue e aiuta a mantenere la salute delle ossa. Senza adeguate quantità di vitamina K nella nostra dieta, possiamo soffrire di eccessivo sanguinamento e, nei casi peggiori, di malattie ossee come l’osteoporosi.




Assicura la protezione dalle tossine ambientali

Uno studio pubblicato in Immunologia Clinica del marzo 2009 ha scoperto che il sulforafano – una molecola che si trova all’interno di isotiocianati – ci può proteggere da infiammazione delle vie respiratorie che porta ad asma, malattia polmonare ostruttiva cronica e altre patologie respiratorie comuni. Secondo lo studio, il sulforafano ha aumentato la produzione di enzimi antiossidanti in soggetti umani , così da eccessiva esposizione radicali liberi associati con l’inalazione di aria inquinata, gas di veicoli e fumo di sigaretta (5) Questi risultati suggeriscono che il consumo regolare di broccoli – che è una delle maggiori fonti naturali di sulforafano – ci può aiutare a proteggerci dalle tossine ambientali.

Ricco di fibre e sostanze nutrienti supplementari

Una tazza di broccoli tritati ci fornisce circa il 9 per cento del nostro RDA di fibra alimentare, che aiuta a spazzare via dal colon i rifiuti accumulati, promuove la regolarità e aiuta ad assorbire lo zucchero dal tratto intestinale. In secondo luogo, i broccoli sono ricchi di minerali essenziali come ferro, calcio, magnesio, manganese, selenio e potassio, che lavorano in tandem per aiutare i processi naturali del nostro organismo. In terzo luogo, il broccolo è ricco di vitamina A, che aiuta a mantenere la visione. E ‘anche un fantastico cibo per la perdita di peso, in quanto contiene calorie minime e grassi, e possiede un carico glicemico praticamente inesistente. (4)

Secondo il Linus Pauling Institute, è meglio consumare i broccoli in modo crudo in quanto il calore interferisce con l’enzima che rilascia isotiocianati, limitando il numero di essi che i nostri corpi possono assorbire. (6)

Fonti per questo articolo sono:

(1) http://www.thefresh1.com/broccoli.asp

(2) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23978168

(3) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23679237

(4) http://nutritiondata.self.com

(5) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2668525/

(6) http://lpi.oregonstate.edu/infocenter/phytochemicals/isothio/

Traduzione di Salvatore Santoru
Fonte:http://www.naturalnews.com/046222_broccoli_cancer_prevention_healthy_vegetables.html

Fonte Informazione Consapevole

CONTINUA A LEGGERE >>