4147
L’aroma terroso di caffè al mattino è un odore che invita a svegliarsi. Ma ogni qualvolta che c’è qualcuno  che nel mondo si fa una tazzina di caffè, questi produce un “fondo”. Addizionate tutti i bar e i ristorantiche producono tazzine di caffè e avrete milioni di tonnellate di fondi caffè. Ora gli scienziati hanno compreso un modo innovativo per ridurre questo spreco e allo stesso tempo contribuire a rimuovere altri prodotti chimici tossici dall’ambiente.

Alcuni ricercatori hanno modellato i fondi di caffè con una forma di un filtro spugnoso in grado di assorbire i metalli pesanti dalle acque. La progettazione e i test iniziali sono descritti nella rivista dellaAmerican Chemical Society chimica sostenibile e Ingegneria .

“Questo prodotto può aiutare a ridurre i rifiuti che generiamo“, spiega portare Despina Fragouli, uno scienziato dei materiali presso l’Istituto Italiano di Tecnologia.



Si tratta di una soluzione abbastanza conveniente. E se le persone hanno già riciclato rifiuti caffè per fertilizzanti, mangimi animali, e anche il biodiesel, non c’era un modo efficiente di usarlo per la bonifica di acqua fino ad ora. Le sostanze chimiche in basso, come acidi grassi, cellulosa, e polifenoli, legano ai metalli pesanti nello stesso modo di agire del carbone attivo, ma poi la polvere doveva essere in qualche modo rimossa da acqua in seguito. Con i fondi di caffè, Fragouli e il suo team sono riusciti a semplificare questo processo.

Con l’aggiunta di zucchero e silicone, i ricercatori sono stati in grado di produrre un mattone schiumoso in grado di mantenersi integro e di fungere da filtro. In ammollo, il mattone spinge lo zucchero nel filtrare e lascia i fondi di caffè aperti, legandosi agli ioni di metallo in acqua.

Sempre in acqua, un piccolo pezzo di 200 milligrammi di schiuma delle dimensioni di una mandorla ha rimosso correttamente il 99 per cento di ioni piombo e mercurio entro 30 ore. In acqua corrente, o acqua con una concentrazione di ioni metallici che supera 200 parti per miliardo, l’efficienza della schiuma è stata di circa 50 – 60 percento degli ioni di piombo rimossi. Circa la stessa efficienza dei filtri più efficienti in commercio, secondo Fragouli.

Fragouli dice che il suo team sta lavorando per migliorare la composizione del mix caffè e silicone in modo che possa alla fine essere l’unico filtro che vi serve. Gli scienziati stanno anche sperimentando altri materiali di scarto delle industrie agro-alimentari che possono avere diverse proprietà chimiche e che potrebbero aiutare a filtrare fuori altri prodotti chimici.

“E ‘molto importante trovare nuove risorse per rendere i materiali polimeri riutilizzabili e che può sostituire i materiali a base di petrolio che attualmente usiamo”, dice Fragouli.

Fonte: www.globochannel.com

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere