DailyMail.co.uk

Gli scienziati hanno scoperto che i giovani stanno davvero diventando più stupidi: Il Quoziente Intellettivo ha cominciato a scendere di sette punti per ogni generazione e questo trend è  “abbastanza preoccupante”.

  • Dopo la seconda guerra mondiale, per qualche decennio, il quoziente intellettivo aveva cominciato ad aumentare  ma ora ha ripreso a scendere
  • Secondo gli scienziati questa tendenza, iniziata con i giovani nati dopo il 1975, è “abbastanza preoccupante”
  • Lo studio è scaturito da una precedente ricerca che ha dimostrato che mangiare pesce aumenta il livello del QI

Secondo quanto rivela un nuovo autorevole studio del fenomeno , il punteggio del QI dei giovani ha cominciato a deteriorarsi  dopo una crescita costante avvenuta dopo la Seconda Guerra Mondiale. Si ritiene che il deterioramento, che equivale a circa sette punti per ogni generazione, sia iniziato con i giovani nati nel 1975.

Il calo del punteggio segna la fine di un trend – noto come effetto Flynn – che ha visto il QI medio aumentare negli ultimi 60-70 anni di circa tre punti rispetto al decennio precedente, mentre il QI dei giovani sta scendendo di 7 punti per generazione, con una tendenza “piuttosto preoccupante”.

Secondo il Times gli scienziati dicono che questi risultati non sono solo “impressionanti” ma “piuttosto preoccupanti” e  questo declino è dovuto alla differenza di tecnica applicata al modo in cui si insegnano le lingue e la matematica nelle scuole. Ma potrebbe anche dipendere dal fatto che ora si passa più tempo con i dispositivi tecnologici che con i libri.

Stuart Ritchie, uno psicologo dell’Università di Edimburgo che non ha collaborato a questa ricerca, ha dichiarato al giornale: “Questa è la prova più convincente di un’inversione dell’effetto Flynn” – “Se vogliamo credere che questo modello sia corretto, i risultati sono impressionanti. anzi piuttosto preoccupanti.”

Comunque, secondo altri studi precedenti, i punteggi del QI potrebbero aver cominciato a scendere all’inizio del millennio e due studi britannici hanno rilevato che il punteggio è sceso  tra 2,5 e 4,3 punti ogni dieci anni (anche se queste ricerche, basate su dati limitati, non sono state accettate ufficialmente).

Nell’ultimo studio Ole Rogeburg e Bernt Bratsberg, del Ragnar Frisch Center for Economic Research di Oslo, hanno scoperto che il QI degli uomini norvegesi è minore di quello dei loro padri, quando avevano la stessa età. Le loro ricerche hanno analizzato i punteggi di un test IQ standard effettuato su oltre 730.000 uomini – che hanno prestato servizio di leva tra il 1970 e il 2009.

I risultati sono stati pubblicati dopo che gli scienziati hanno rivelato, a dicembre 2017, che mangiare pesce regolarmente migliora l’intelligenza dei bambini e li aiuta a dormire meglio.

Fonte: traduzione per comedonchisciotte.org  a cura di Bosque Primario