di  KasperAleksandr

“Questi paesi sono alcune delle poche  nazioni nel continente che sono rimaste ferme nel loro desiderio di mantenere le loro radici native , identitarie, cristiane ed europee”.
Se mai l’Europa deve essere salvata e bonificata dalla sua stessa popolazione nativa, si può essere certi che i paesi Visegrád saranno in prima linea nella sua Reconquista.




La Repubblica Ceca , l’ Ungheria , la Polonia e la Slovacchia (i paesi di Visegrád o V4) sono da tempo parte di un’unica civiltà che condivide valori culturali , intellettuali e radici comuni nelle tradizioni religiose, quelle che hanno continuamente cercato di rafforzare e preservare. Questi paesi sono alcune delle poche nazioni del continente che sono rimaste ferme nel loro desiderio di mantenere le loro identità native, cristiane ed europee.

Per questa loro determinazione, i paesi del “V4” sono diventati per l’oligarchia di Bruxelles i “soggetti problematici dell’UE”. L’attuale leader del gruppo di Visegrád e attuale primo ministro ungherese, Victor Orbán, è stato una figura chiave contro la tirannia europea. Ha osato dare voce ai pensieri di tutti i pensatori europei quando ha affermato coraggiosamente: “La domanda del prossimo decennio; l’Europa apparterrà agli europei “.
I prominenti esponenti della sinistra europeista e mondialista hanno descritto la “Dichiarazione dei V4 sul futuro dell’Europa” come un “attacco alla democrazia europea”.

L’idea originale del gruppo di Visegrad fu concepita per la prima volta nel 1335 quando Carlo I d’Ungheria, Casimiro III di Polonia e Giovanni di Boemia si incontrarono a Visegrad, in Ungheria e acconsentirono a creare nuove rotte commerciali per aggirare il porto di Vienna e per ottenere più rapidamente e più facile accesso ad altri mercati europei.




In tempi più recenti, è emersa un’unione culturale e politica più chiaramente definita tra gli stessi quattro paesi. Questa va sotto il nome di “Visegrád Group” o V4 e si è formata a Visegrád nel 1991 tra la Cecenia, l’Ungheria, la Polonia e la Slovacchia. Era rimasto relativamente oscura per quasi 25 anni, ma recentemente è diventata una intesa più prominente quando le idee nazionaliste di destra hanno preso il sopravvento sulla politica europea.

La formazione del Gruppo Visegrád è stata essenzialmente motivata da quattro fattori:

Il desiderio di eliminare i resti del blocco comunista in Europa centrale
Il desiderio di superare le animosità storiche tra i paesi dell’Europa centrale
La convinzione che attraverso sforzi congiunti sarà più facile raggiungere gli obiettivi prefissati, vale a dire realizzare con successo la trasformazione sociale e aderire al processo di integrazione europea
La vicinanza delle idee delle allora élite politiche dominanti.

Proteste in Polonia contro la UE

Oggi, i paesi di Visegrád sono uniti dalla convinzione condivisa che l’Europa debba essere prima di tutto per gli europei.
Le nazioni del gruppo Visegrád comprendono 65 milioni di europei. Sempre più spesso, il V4 sta diventando il successo economico della comunità europea. Le economie di Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria stanno crescendo rapidamente e in effetti stanno crescendo più velocemente di qualsiasi altra regione del mondo ad eccezione delle economie dell’Asia-Pacifico. In breve, lo spazio dell’Europa centrale rappresentato dai quattro paesi del Gruppo Visegrad è l’epitome del successo europeo contemporaneo.

La loro crescita è prevalentemente guidata dalle esportazioni e ora stanno diventando il punto di riferimento per gli investimenti esteri diretti in Europa. La Polonia è ora la seconda località più attraente per IDE in Europa, dopo la Germania. Anche la disoccupazione è al di sotto della media europea e ben al di sotto dei livelli in Francia, Italia e Spagna, e in tutti questi stati i salari stanno aumentando drasticamente alimentando una maggiore domanda interna.

Se il V4 rappresentasse una singola unità economica, sarebbe ben tra le prime venti potenze economiche del mondo. In termini di potere d’acquisto, la V4 è al 15 ° posto in termini di parità di potere d’acquisto.

A differenza delle sue controparti dell’Europa occidentale, la sicurezza è una delle principali priorità dei governi V4. Il terrorismo islamico è fondamentalmente inesistente in questi paesi. Sono gli unici paesi europei che hanno deciso di intervenire contro la prolungata invasione di migranti nordafricani e mediorientali in Europa. Insieme alla decisione di fornire un significativo sostegno finanziario alla sicurezza delle frontiere libiche, i paesi V4 si sono dimostrati piuttosto riluttanti nel loro rifiuto di capitolare alle direttive di Angela Merkel per favorire l’invasione dei migranti economici dal Medio Oriente e dal Nord Africa.

I paesi di Visegrád stanno fornendo una visione alternativa importantissima per il futuro dell’Europa che è in contrasto con quella che è stata fatta assimilare al popolo europeo da burocrati globalisti non eletti, pro-UE che siedono nelle loro torri d’avorio a Bruxelles.
Aspettatevi di vedere la visione di Visegrád dell’Europa crescere di portata mentre andiamo avanti.

Fonte: Defend Europa

Fonte: Traduzione di Luciano Lago per www.controinformazione.info