di  Paul Antonopoulos

L’Unione Europea dovrà affrontare una grave crisi finanziaria, sulla base della recente valutazione fatta dal miliardario George Soros, con riferimento alle ultime dichiarazioni rilasciate da questi a Bloomberg. Secondo l’opinione dello speculatore finanziario, la crisi potrebbe essere innescata dall’aumento del tasso di cambio del dollaro e dal deflusso di capitali dai mercati emergenti.




Tra le potenziali cause di tali crisi finanziarie, l’uomo d’affari ha anche elencato la rottura dell’accordo iraniano sul nucleare e la distruzione dell’alleanza transatlantica che intercorre tra l’UE e gli Stati Uniti. Questo sviluppo di una crescente frattura tra Stati Uniti e Unione Europea è stato notato dagli editori della FRN attraverso un numero qualsiasi di dichiarazioni pubbliche ai media iraniani e russi fatte a partire dal 2014.

L’investitore e speculatore finanziario ha anche sottolineato la “disintegrazione territoriale” dell’Unione Europea , con la Brexit come una delle manifestazioni di questo processo.

Queste dichiarzioni di Soros dovrebbero essere lette come minacce, non come previsioni.




La stessa storia della Brexit, è stata notata dalla società madre della FRN, CSS, come una manovra complessa che in effetti ha coinvolto un punto di interesse degli Stati Uniti al fine di – indebolire l’UE se questa andrà a continuare un percorso indipendente dagli Stati Uniti e / o se l’UE continua a cercare un accordo di riavvicinamento con la Federazione Russa. La frattura dell’affare nucleare iraniano è parallela alla spaccatura russa, in termini di relazioni UE / USA.

Altre ragioni della crisi, secondo Soros, sono la crisi migratoria e l‘arrivo di “populisti” al potere.
“Non è più una questione retorica dire che l’Europa è in pericolo esistenziale, è una realtà difficile”, ha detto Soros a Bloomberg.

Budapest. proteste delle ONG finanziate da Soros

In un’intervista, il capo del Centro per la Ricerca economico-politica, Vasily Koltashov, suggerisce cosa realmente intendesse il miliardario con tali affermazioni.
“Soros vuole dimostrare che l’UE non si sta muovendo nella direzione che gli USA pensano sia corretta e che l’essere più vicini agli Stati Uniti porterebbe l’UE alla stabilità economica, proteggendola da questa crisi, che, secondo Soros, può essere evitata attraverso tutta una serie di azioni, comprese le politiche, che non sembrano molto convincenti. Si scopre che l’Unione europea è sempre più lontana dagli Stati Uniti “, afferma l’esperto.

“Al contrario, riteniamo che se l’UE dovesse seguire le linee guida Soros e Transatlantic Partnership oggi (la conclusione di questo accordo era prevista per il 2014, dovrebbe collegare l’UE strettamente con gli Stati Uniti e creare privilegi senza precedenti per le compagnie statunitensi in Europa ), la crisi sarebbe già avvenuta. ”

Secondo Koltashov, le dichiarazioni di Soros mostrano preoccupazione per la possibile crisi, prima di tutto per i riflessi di questa negli Stati Uniti.

Koltashov spiega poi che queste “bolle” non  scoppiano, e quindi gli Stati Uniti “devono rubare” risorse gli altri paesi, compresa l’UE, definendoli “partner e amici”.

La recente storia economica dell’UE e degli Stati Uniti negli ultimi dieci anni mostra una tendenza diversa. Sono gli Stati Uniti che, nel loro modello di deregolamentazione, hanno permesso la formazione di una bolla azionaria e immobiliare. Questi debiti instabili sono stati poi riconfezionati con debiti stabili e venduti alle banche dell’UE, le stesse che costituiscono la base dell’UE.

Questo sistema ha creato la cosiddetta “crisi di solvibilità greca” dell’Unione europea, che di fatto nulla ha a che fare con l’economia della Grecia o con la capacità di spesa e di guadagno dei greci. È stata  interamente gestita economicamente in Germania, progettata negli Stati Uniti, e politicizzata attraverso Bruxelles come in qualche modo collegata alla Grecia. Non ci sono stati né euro né dollari statunitensi che sono stati in qualche modo “mal gestiti” dai tecnocrati greci, al di fuori dei soliti dibattiti sulla spesa per le infrastrutture e sui servizi sanitari e di assistenza umana.

Fonte: Fort Russ

Fonte: Traduzione: Luciano Lago per www.controinformazione.info