Gli USA e i loro alleati a Damasco hanno bombardato un centro di ricerca che sviluppava farmaci contro il cancro e ha prodotto un antidoto per i morsi di serpente per la regione.

A Sputnik lo ha riferito il capo del dipartimento dei polimeri e scienza dei materiali dell’ex centro di ricerca Said al-Said. L’istituto lavorava in due direzioni. La direzione farmaceutica: il centro ha sviluppato formule chimiche per i farmaci contro il cancro, nei sette anni di guerra a causa dell’embargo imposto da USA e UE la Siria non poteva importare farmaci contro il cancro.




“Il secondo obiettivo è stato la produzione di farmaci per gli ospedali in tutta la Siria, anche per il siero e antidoti contro il veleno dei serpenti e punture di scorpione, il nostro centro è l’unico nella regione, che lo ha prodotto nel corso di venti anni, e i paesi limitrofi, la Giordania e il Libano, lo compravano da noi” ha detto al-Said.

USA, Gran Bretagna e Francia sabato mattina hanno compiuto attacchi missilistici su obiettivi governative siriani, che, secondo loro, sono utilizzati per la produzione di armi chimiche. Dalle 3.42 alle 5.10 hanno rilasciato sulla Siria più di 100 missili, la maggior parte dei quali è stata colpita dalla difesa aerea siriana. Nell’attacco non è morto nessuno, i danni terrestri sono stati minimi, le forze russe non sono state coinvolte.

Secondo al-Said, a seguito del bombardamento il centro è stato completamente distrutto, non è rimasto nulla del laboratorio ad alta tecnologia per l’analisi chimica, che ha ricevuto il documento ISO e emetteva certificati di qualità per tutti i materiali realizzati in Siria.




Egli ha precisato che l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) nel 2013 ha cinque volte testato questo centro e ha pubblicato due relazioni sul fatto che non c’erano in corso lavori per la fabbricazione di armi chimiche.

Fonte: it.sputniknews.com

Non perdetevi i nuovi aggiornamenti, seguiteci nella App per cellulari 




CONTINUA A LEGGERE >>