Seguici su: Pinterest


DI TOM LUONGO

tomluongo.me

Il cripto-rublo confonde molte persone. Non dovrebbe. Putin ha appena preso il comando della cripto-tecnologia.

Sono settimane che dal governo russo riceviamo segnali confusi sulle criptovalute. Da una parte lo vediamo abbracciare questa nuova tecnologia, dall’altra dichiararle guerra.

Per questo non si capiscono bene le intenzioni di Mosca in materia. Cercherò di eliminare questa confusione basandomi sui dati a disposizione.

Basta dire che questa è una buona notizia sia per i Bitcoin che per l’economia russa. Datemi qualche minuto e vi spiegherò perché.

La legge di Putin

Putin crede fermamente nelle leggi. Nell’arena pubblica opera sempre in loro conformità. E le criptovalute, nonostante la loro flessibilità, operano al limite della legalità, il che lo mette a disagio.

La posizione dei russi sulle criptovalute è dunque quella di eliminare le attività illegali – riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo, traffico di esseri umani, ecc. – ed allo stesso tempo sfruttare questa tecnologia per modernizzare le capacità di gestione dei capitali interni.

Il cripto-rublo è un ponte tra il cripto-mondo ed il mondo reale. Garantisce che questa nuova forma di rubli rispetti correttamente il flusso di capitali.

Tassando i cripto-rubli a chi non è in grado di fornire una documentazione della proprietà, Putin sta incentivando lo sviluppo di sistemi di cripto-pagamento a basso costo. L’obiettivo è quello di scambiare rubli per merci solo in criptovalute che traccino anche la proprietà, come Ethereum ed altri che hanno una cronologia dei propri blockchain trasparente.

L’invito del capitale russo

Putin sta apertamente invitando investimenti legali ed alla luce del sole. A prescindere dalla moneta, la Russia vuole sul proprio suolo solo imprese legittime.

Il cripto-rublo fornisce i mezzi per convertire, senza spese di transazione, nuovamente nella moneta nazionale ‘fiat’, per pagare bollette, tasse e simili. Questo in opposizione diretta al modo con cui gli Stati Uniti, ad esempio, trattano le criptovalute.

Il regolamento I.R.S. del 2014 che ha classificato i Bitcoin come “proprietà” implica che ogni transazione Bitcoin, non importa quanto piccola, crea un potenziale utile. Ciò significa che prendere un caffè da Starbucks usando Bitcoin è imponibile sia per l’acquirente che per Starbucks quando andrà a vendere tali Bitcoin e li convertirà in dollari per pagare salari, ordini di consegna ecc.

È per questo che il capitale che si è spostato sulle criptovalute non tornerà indietro. È per questo che è esploso il mercato delle ICO. Miliardi di profitti, non tassati, pronti per essere reinvestiti.

È anche il motivo principale per cui Amazon, ad esempio, non accetta Bitcoin. Chi vorrebbe questa seccatura?

La struttura del cripto-rublo aggira l’ostacolo per chi dimostra la proprietà dal blockchain. Bitcoin consente la trasparenza delle transazioni, così come Ethereum, Litecoin e molti altri.



Ora, le due valute possono convivere senza doversi preoccupare della doppia tassazione, a meno che uno non guadagni in modo oscuro, nel qual caso Mosca vuole il 13% degli utili. Questo nuovo sistema non riporterà il capitale nell’economia russa, ma tanto non sarebbe tornato comunque.

La Russia adotta le proprie criptovalute

Definendo i Bitcoin come uno schema Ponzi ed un modo per riciclare denaro, Putin e la Banca di Russia stanno semplicemente attaccando tecnologie non autoctone.

Putin preferirebbe che si usassero piattaforme russe. Ricordate, è un nazionalista, e vuole portare il proprio paese in questo mercato che sarà molto importante in futuro.

Ethereum e WAVES sono entrambe piattaforme progettate e costruite per la Russia. Notate che Vlad non ha mai parlato male di Ethereum. WAVES continua ad essere poco considerato, ma è potente come Ethereum.

Entrambi forniscono una piattaforma per agire come  Infrastructure as a Service (IaaS) per la prossima generazione di applicazioni basate su Internet. Ethereum è un sistema operativo per Internet 3.0 mentre WAVES è un mercato valutario di prossima generazione, che fornisce una piattaforma semplice per investimenti in private e public equity.

WAVES sosterrà la mossa di Mosca di scambiare criptovalute e relativi derivati. Agirà sulla soglia di ogni scambio di valuta. Per cui, se avete dollari, Bitcoin, rubli od Ethereum alla fine potrete acquistare e vendere titoli presso la Borsa di Mosca.

Tutto pulito e legale. Ed alla luce del sole.

Il cattivo Putin sta cercando gli investitori dei fondi pensione, i quali hanno notato che i titoli russi rendono oltre il 7%. Attraverso la via cripto, ha appena dato ai manager di tali fondi un modo per entrare.

Non pensate neanche per un attimo che a Putin non piacciano i Bitcoin come mezzo per attirare investimenti. Questa è l’essenza del Russian Miner Coin. Vuole solo che il settore venga regolamentato, così da massimizzare i profitti per la sfera pubblica.

La lotta per la fuga di capitali

Il capitale va dove viene trattato meglio.

Data la fragile situazione dei sistemi finanziari e politici globali, lo stabile governo russo è un asset. Ciò di cui gli investitori hanno bisogno è esser sicuri di trarci un guadagno.

Lo schema del cripto-rublo fa parte di questo processo di costruzione della fiducia.

Da investitore americano, ora so di poter, ad esempio, investire direttamente in un’offerta di stock o bond di un’azienda russa. Posso veder convertiti i miei dividendi o cedole in cripto-rubli, scambiarli immediatamente con Bitcoin o qualsiasi valuta di mia scelta.

E posso non pagarci le tasse fino a che non li riconverto in dollari.

Al momento non è tecnicamente possibile, specialmente con le sanzioni. Dove è possibile, è costoso ed è una grossa lungaggine. Putin è intelligente, ed ha ottimi consiglieri. Mosse come questa sono una risposta a quelle fatte dagli americani per privare la Russia di capitali (vedasi le sanzioni decise da McCain).

Fornire una piattaforma con cui il capitale possa entrare in Russia senza essere bloccato è ora fondamentale per sopravvivere nei prossimi due anni. Non è sua responsabilità controllare gli investitori statunitensi, solo verificare che rispettino la legge russa.

Il vantaggio della prima mossa qui è importante. Se la Russia continua a sviluppare la tecnologia blockchain e ad abbracciarla in modo relativamente privo di imposte, non importa che stia “regolamentando” il meraviglioso mercato decentrato delle criptovalute.

Quel che importa è che la Russia tratti i cripto-investitori meglio degli altri. Nella lotta per i flussi globali di capitali, non devi essere perfetto, solo essere leggermente meglio degli altri. L’arbitraggio si prenderà cura del resto.

E lo scambio rublo/cripto-rublo, esente da tasse, è l’applicazione che il cripto-mercato cercava per farlo salire al livello successivo.

La Russia ci è arrivata per prima.

 

Tom Luongo

Fonte: https://tomluongo.me

16.10.2017

Fonte: Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Seguici su: Pinterest

CONTINUA A LEGGERE >>








_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere