Siamo nel pieno dell’autunno e l’inverno si avvicina. Nell’anno del COVID i livelli di attenzione per prevenire anche l’influenza stagionale sono altissimi. La natura, come sempre, ci viene incontro.

Il timo, ad esempio, è un ottimo alleato nella prevenzione dei malanni stagionali. Si tratta di una pianta tipicamente mediterranea, che quindi può essere trovata letteralmente a pochi passi da casa nostra. Già gli antichi Greci ne apprezzavano le proprietà curative, tanto che la associavano a Zeus, il padre di tutti gli dèi.

La leggenda racconta perfino che la pianta sia nata dalle lacrime di Arianna quando Teseo la abbandonò. Ha proprietà antibatteriche e quindi è un alleato fondamentale per gli sbalzi di temperature e tutti i malanni conseguenti, come tosse, mal di gola e bronchiti.

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM E SU VK

Come riportato da Riza, la pianta contiene vitamine B1 e C, manganese, olii essenziali, timolo e tanti altri componenti benefici per la salute dell’essere umano. In particolare è il timololo a renderla così speciale, in quanto, oltre a donargli il profumo gli fornisce le preziosissime proprietà antibatteriche.

Più nello specifico, la sua assunzione aumenta la produzione di secreto bronchiale, che facilita l’espulsione di tossine e dunque “allontana” i malanni. Non solo: fa bene anche al fegato e alle vie urinarie, purificandole.

Lo si può assumere come condimento in piatti e insalate, sia fresco, sia essiccato che come olio essenziale. A scopo curativo, invece, l’ideale è usarlo come infuso o decotto.

Come per ogni cosa, l’eccesso è dannoso. Assumere troppo timo ha delle controindicazioni, in quanto i fenoli presenti nella pianta, se assunti in abbondanza, sono perfino tossici o corrosivi. Prima di assumerlo in quantità moderate, è sempre bene parlarne con il proprio medico curante. Per tutte le ricette rimandiamo al sito Riza.it, dove l’argomento viene affrontato con maggiore dovizia di particolari e vengono spiegate per filo e per segno le ricette migliori.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore, l’articolo è solo a scopo informativo.