1992Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 11/06/2015

L’amministrazione statunitense valuta una serie di mosse per contrastare le presunta violazione russa del trattatoIntermediate-Range Nuclear Forces (INF), tra cui rafforzare la difesa missilistica o perfino distribuire missili in Europa, secondo AP del 4 giugno. Washington ha accusato la Russia di testare un missile da crociera terrestre in violazione del trattato sul controllo degli armamenti. Il dipartimento di Stato ha detto lo scorso luglio che la Russia aveva testato un missile in violazione dell’INF, che vieta a tempo indeterminato possesso, produzione e test dei missili, nucleari e convenzionali, con gittata tra 500 e 5500 km. Il segretario alla Difesa statunitense Ash Carter espresse preoccupazione a febbraio sulla presunta violazione della Russia dei termini del trattato. L’amministrazione non ha detto se ritiene il missile russo nucleare o convenzionale. Gli Stati Uniti rimuginano una serie di risposte possibili, tra cui schieramento di sistemi missilistici in Europa per un attacco preventivo contro la Russia. Robert Scher, assistente segretario alla Difesa per strategia, piani e capacità, ha detto ai legislatori ad aprile che si potrebbero rinforzare le difese dei potenziali bersagli del missile da crociera russo. Una seconda opzione sarebbe “cercare e attaccare laddove si trova il missile in Russia”, ha detto Scher. E una terza opzione sarebbe “vedere ciò che possiamo ritenere a rischio in Russia”, spiegava. I suoi commenti sembravano segnalare l’impiego di forze per colpire obiettivi militari russi, oltre i missili che presumibilmente violano l’accordo INF. L’Associated Press ha ottenuto la parte non classificata di una relazione dell’ufficio del Generale Martin Dempsey, presidente del Joint Chiefs of Staff, che esamina le armi che gli Stati Uniti potrebbero sviluppare e schierare se liberati dai vincoli del Trattato INF, individuandone quattro che “potrebbero contribuire a colmare… il divario di capacità”. Tra i quattro vi sono missili da crociera lanciati da terra schierati in Europa o in Asia, e missili balistici a medio raggio lanciati da terra, dotati di tecnologia che consente di regolare la traiettoria di una testata rientrando nell’atmosfera e puntando sul bersaglio. Il ministro degli Esteri inglese Philip Hammond dice che il Regno Unito potrebbe ospitare nuovi missili nucleari statunitensi. Tali osservazioni sollevano la prospettiva del ritorno a una corsa agli armamenti da Guerra fredda quando gli alleati di Washington della NATO ospitarono missili da crociera e missili balistici Pershing-2 per contrastare i missili sovietici SS-20. La risposta di Stati Uniti e NATO creò un movimento di protesta europeo, seguito dai negoziati USA-URSS per il Trattato INF, il primo a vietare un’intera classe di missili.



La Russia afferma la sua posizione sulla questione
La Russia ha ripetutamente negato le accuse, e accusa gli Stati Uniti di schierare sistemi di difesa in Romania e Polonia violando il trattato. Il capo del dipartimento di non proliferazione e controllo degli armamenti del Ministero degli Esteri russo Mikhail Uljanov ha descritto le affermazioni di Washington come infondate. “Gli Stati Uniti si rifiutano di fornire dati in supporto delle accuse. O è più probabile che non possano farlo. Si ha l’impressione che il vero obiettivo sia screditare la Russia e farla apparire uno Stato che viola gli obblighi internazionali”, ha detto Uljanov. La Russia è pienamente conforme agli impegni assunti nell’ambito del trattato Intermediate-Range Nuclear Forces (INF) e non vuole ritirarsene, ha detto Viktor Ozerov, presidente del Consiglio della Federazione per la Difesa e la Sicurezza. Tuttavia, se gli Stati Uniti decidono di schierare missili in Europa orientale, la Russia prenderà seriamente in considerazione l’uscita dal trattato, ha aggiunto. Se Washington dispiega missili in Europa orientale, i suoi obiettivi non saranno in Medio Oriente, ma sparare sulla Russia da distanza ravvicinata, ha osservato Ozerov, aggiungendo che in questo caso la Russia dovrà rispondere con la forza. Il Ministero della Difesa russo ha chiesto spiegazioni al Pentagono sulle recenti dichiarazioni del presidente del Joint Chiefs of Staff, Generale Martin Dempsey, sugli Stati Uniti che potrebbero schierare in Europa e Asia missili da crociera e balistici puntati sulla Russia, ha detto il Viceministro della Difesa Anatolij Antonov. “Il Ministero della Difesa russo conduce un’analisi scrupolosa delle informazioni sulla conformità al trattato INF provenienti da fonti diverse. Certo, prendiamo atto di tali pubblicazioni sulla stampa occidentale. Per avere una risposta ufficiale dagli statunitensi, abbiamo inviato una richiesta attraverso i canali militari-diplomatici di spiegazioni sulle posizioni del Pentagono riguardo le dichiarazioni del presidente del Joint Chiefs of Staff, Generale Martin Dempsey. Le misure citate dagli Stati Uniti equivarrebbero a un loro attacco al trattato INF”, ha sottolineato il funzionario. L’estate scorsa il Ministero degli Esteri russo espresse preoccupazione per la violazione degli Stati Uniti del trattato. La dichiarazione dice: “Abbiamo indirizzato molti reclami agli Stati Uniti nel quadro del Trattato. Queste sono le prove sui missili della difesa missilistica, che hanno caratteristiche simili ai missili a medio raggio, e produzione di droni armati statunitensi, che evidentemente rientrano nella definizione di missili da crociera lanciati da terra nel Trattato. Il tema dei sistemi di lancio Mk-41, che gli Stati Uniti intendono schierare in Polonia e Romania nel quadro dell’attuazione dell’“approccio graduale” per il dispiegamento della difesa missilistica globale, è molto attuale ultimamente. Tali sistemi di lancio possono lanciare missili da crociera a medio raggio, ma la loro versione lanciata da terra parrebbe una violazione diretta del trattato INF”.

A cosa porta la mossa degli USA
I piani degli Stati Uniti sono una chiara minaccia per la Russia. Lo schieramento di nuovi missili a medio raggio offensivo sul territorio degli alleati in Europa permette di colpire in profondità nel territorio russo grazie all’allargamento della NATO verso est. Un’arma statunitense a medio raggio lanciata da Polonia o Repubblica Ceca con un volo di breve durata supererebbe gli Urali. Di conseguenza, si avrebbe un grave squilibrio strategico per non parlare dell’inizio di una nuova, che recentemente sembrava dimenticata, fase di confronto con l’occidente. La Russia dovrà rispondere come i suoi funzionari hanno già avvertito. Dato che gli Stati Uniti perseguono i piani per sviluppare lo “scudo” antimissile in Europa, la Russia dovrà schierare missili a corto raggio Iskander nella regione di Kaliningrad e lungo i confini occidentali per acquisire la capacità di colpire in anticipo i mezzi della NATO. Attacchi nucleari statunitensi contro la Russia sono impensabili comunque, perché garantirebbero una disastrosa risposta sul territorio degli Stati Uniti continentali. Il pericolo di errori di calcolo e di fraintendimenti che portino a una guerra sarà immensamente accresciuto. Washington non può presentare prove convincenti della violazione russa, gli Stati Uniti verrebbero visti dal mondo come i rottamatori del Trattato INF. I militari degli USA non dispongono di missili a medio raggio pronti per lo schieramento. Tali missili richiederanno anni per progettazione e costruzione, sottraendo fondi da altre priorità della Difesa. L’attuazione dei piani inevitabilmente creerebbe problemi politici con una forte opposizione nei Paesi che ospiteranno le armi. Sarà un’impresa ardua. Il tutto si collega alla guerra fredda. Sicuramente peggiorerebbe il rapporto USA-Russia, già al minino, destinato a complicare le prospettive di ulteriori riduzioni delle armi nucleari. Tali piani potrebbero ostacolare gli sforzi del presidente Obama nell’avere il sostegno del Congresso nella politica con l’Iran.

Missile-Defense-How-it-would-workLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fonte traduzione: aurorasito

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere