1821
1821Vi ricordate cosa è successo quando Cipro ha deciso di sfidare l’UE?  Alla fine, l’intero sistema bancario del Paese è crollato e il denaro è stato confiscato da conti bancari privati. Beh, la Grecia si sta avvicinando ad un finale simile, avverte Michael Snyder. Il governo greco non riceve soldi dall’UE e dal FMI da agosto 2014 e i conti pubblici greci sono al verde.
 

Il nuovo governo greco continua a insistere sul fatto che non potrà mai “violare il suo mandato anti-austerità”, ma il cerchio si sta chiudendo. In questo momento il tasso di disoccupazione in Grecia è superiore al 25 per cento e il sistema bancario è sull’orlo del collasso. Non ci vorrà molto per scatenare il panico, e quando accadràl’Unione europea intende confiscare i soldi dai conti bancari privati, proprio come ha fatto a Cipro.

 




In tutta questa intera crisi pluriennale, le cose non sono mai state così terribili per il governo greco.  In realtà, la Grecia è andata molto vicina al default con l’ultimo rimborso al Fondo monetario internazionale il 12 maggio. E ora, praticamente senza denaro, il governo greco dovrebbe restituire alcuni pagamenti nelle prossime settimane …
 

Oltre a salari e pensioni, il 5 giugno Atene deve versare al FMI 305 milioni di euro. Nelle due settimane successive, dovrà sostenere un esborso pari a 1, 5 miliardi di euro.
 

I tedeschi e gli altri falchi finanziari dell’UE contano su queste scadenze per forzare la Grecia ad accettare un accordo. In mancanza di accordo, il mese prossimo la Grecia potrebbe precipitare in una crisi in stile Cipro o peggio.
 




Inutile dire che una tale mossa scatenerebbe il panico finanziario in tutta Europa.
 

Potremmo effettivamente vedere una cosa del genere?
 

Lo scorso aprile abbiamo già visto il governo greco confiscare i conti bancari dei governi regionali.
 

Confiscare denaro dai conti bancari dei privati ​​cittadini è solo un passo in più..
 

Fonte: www.lantidiplomatico.it