971
971La Russia lancia un avvertimento all’Ucraina: il debito sul gas deve essere pagato quanto prima.

Il governo russo ha chiesto all’Ucraina il pagamento di 2.4 miliardi di dollari di debito per il gas naturale fornito dal consorzio statale Gazprom nel 2014.
“I debiti devono essere pagati”, ha detto il primo ministro russo Medvedev, in un incontro con il presidente di Gazprom, Alexei Miller.

Medvedev ha chiarito che Mosca si fa carico del fatto che il governo ucraino stia cercando attivamente fondi per evitare la sospensione, ma ha insistito che Kiev saldi il debito quanto prima.

Ha ricordato che la Russia ha sostenuto l’economia ucraina per molti anni, come per gli sconti sul gas, ma “questo tipo di aiuto non può durare per sempre”.
“Prima o poi finirà. Questo devono capirlo tutti”, ha aggiunto.



Allo stesso tempo, ha manifestato il favore di voler proseguire nella somministrazione di energia elettrica all’Ucraina a prezzi sovvenzionati, sostenendo che, per ora, è l’unico modo per fornire elettricità alla Crimea, annessa a Mosca nel mese di marzo.

Nel frattempo, Gazprom ha segnalato per iscritto alla società statale ucraina Naftogaz sui 2.4 miliardi di euro di addebito, in virtù del contratto firmato nel gennaio 2009.
Secondo l’accordo raggiunto da Russia, Ucraina e Unione europea, Gazprom aumenterà di nuovo il prezzo del gas fino a circa 500 dollari per ogni mille metri cubi a partire dal 1 ° aprile.

Alla fine del 2014, Russia, Ucraina e Unione europea avevano deciso di garantire la fornitura di gas russo e il suo transito attraverso l’Ucraina fino al prossimo mese di marzo, dopodiché Mosca avrebbe ricevuto “garanzie” che Kiev avrebbe pagato una parte sostanziale del suo debito entro la fine dell’anno, e avrebbe messo a disposizione fondi per i nuovi acquisti di gas.

Recentemente, Anton Siluanov, ministro delle Finanze russo ha avvertito del fatto che Mosca potrebbe richiedere anticipatamente il pagamento del credito di 3 miliardi di dollari concessi all’Ucraina prima del rovesciamento del presidente Viktor Yanukovych, a causa della violazione delle condizioni del prestito.

Da parte sua il primo ministro ucraino, Arseniy Yatsenyuk, ha assicurato che i prestiti internazionali che otterrà prossimamente il paese saranno dedicati a ripagare il debito estero e non per equilibrare il bilancio o pagare le pensioni.

Fonte www.lantidiplomatico.it

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere