2038I BRICS hanno intenzione di creare un’alternativa al sistema SWIFT

 
Nonostante le difficoltà economiche, la Russia sta attivamente aumentando le sue riserve auree. Una tendenza che potrebbe avere un impatto devastante sul dollaro statunitense, scrive Peter Krauth, analista di Money Morning, ricordando che le riserve d’oro della Russia sono triplicate negli ultimi dieci anni, con un picco nel 1993.

“Durante la recente crisi, molti cinici hanno suggerito che la Russia avrebbe dovuto vendere oro per sostenere il rublo. Non ero d’accordo e ho detto che la Russia avrebbe scelto di mantenere le sue riserve e sbarazzarsi dei dollari Usa. A quanto pare, avevo ragione “, scrive l’analista

Nel novembre 2014 le riserve d’oro della Russia sono passate da 37,6 a 38,2 milioni di once. Nel mese di aprile, le riserve ammontavano a 39.8 milioni di once

La significativa crescita delle riserve auree russe ha un forte impatto sul dollaro statunitense, sostiene l’analista. Inoltre, le riserve di oro della Cina, paese vicino e alleato di Mosca, sono tra le più grandi del mondo e “potrebbero essere dannose per il dollaro.”



L’analista statunitense Jim Rickards, citato da Krauth, crede che se la Cina decidesse di rendere pubblico l’ammontare delle sue riserve, il dollaro potrebbe essere rovesciato.  Sempre sul fronte della “sfida” all’egemonia del dollaro, è di ieri la notizia, confermata dal vice-ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov, che i Paesi BRICS hanno avviato consultazioni per la creazione di un sistema di pagamento, simile ma alternativo al sistema SWIFT.

La strategia del partenariato economico, che sarà uno dei principali documenti del vertice BRICS a Ufa, è in fase di preparazione, ha detto in un’intervista con RIA Novosti  Vice Ministro degli Esteri Ryabkov.

“I ministri delle Finanze e i presidenti delle banche centrali dei paesi BRICS stanno studiando queste complesse questioni, tra cui l’organizzazione di un sistema di pagamenti e la possibilità di effettuare pagamenti nelle valute nazionali”.

Inoltre, il funzionario ha sottolineato che i BRICS cercano di creare un sistema che non dipenda dalle decisioni arbitrarie di un paese in particolare.

Alla domanda sulla possibile concorrenza tra le due istituzioni finanziarie, la Banca di Sviluppo del BRICS e la Banca d’Investimento per le infrastrutture asiatiche, AIIB, il diplomatico ha risposto che le due istituzioni possono rafforzarsi a vicenda e non vi è alcun conflitto tra di loro.

“Non vi è alcun conflitto all’interno dei BRICS su questo tema. Vediamo la possibilità di sforzi complementari. Nelle economie dei paesi BRICS e le altre economie emergenti ci sono molte questioni che hanno bisogno di risoluzione, in modo che ci sia abbastanza spazio e campo di applicazione delle risorse finanziarie che si stanno espandendo “, ha detto Ryabkov.

Fonte: www.lantidiplomatico.it

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere