1077
© Collage: «La Voce della Russia»

1077
Mentre i politici americani continuano battere il tamburo della guerra, sollecitando Washington a consegnare le armi letali a Kiev e a far entrare l’Ucraina nella NATO, in Occidente si sentono a fatica le voci di chi vede il pericolo e la miopia di questo approccio, ritiene l’ex consigliere del Dipartimento di Stato USA James Carden.



L’ingresso dell’Ucraina nella NATO diventerebbe una decisione estremamente imprudente da parte di quei leader occidentali che sono disposti a mettere in gioco la sicurezza dell’Europa a beneficio del confronto geopolitico con la Russia, suppone l’analista americano.

Secondo l’esperto, il governo Poroshenko ha dimostrato la sua inconsistenza, non essendo riuscito ad affrontare la crisi economica o le contraddizioni all’interno del governo. Il cambio di regime politico non ha portato alcun progresso allo Stato ucraino, dal momento che il nuovo governo si è dimostrato altrettanto corrotto come quelli precedenti. Inoltre sulle attuali autorità di Kiev ricadono diverse colpe, tra cui una serie di crimini di guerra contro i propri cittadini nella parte orientale del Paese. In questo contesto l’Occidente dovrebbe pensare due volte prima di prendere una decisione positiva sull’ingresso dell’Ucraina nella NATO, ritiene Carden.

Fonte La Voce della Russia

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere