https://www.sapereeundovere.com/
https://www.sapereeundovere.com/di Paola Magni

Merito di una sostanza contenuta nel cereale chiamata beta-glucano idrosolubile, che stimola la formazione di nuovi vasi sanguigni in presenza di stress ossidativo.

I ricercatori dell’Istituto di Scienze della vita della scuola superiore Sant’Anna di Pisa, coordinati da Vincenzo Lionetti, in collaborazione con l’Istituto di fisiologia clinica del CNR di Pisa e la Fondazione Toscana “G. Monasterio” hanno conseguito una scoperta importante: l’orzo, il primo cereale ad avere una larga diffusione nelle civiltà del bacino del mediterraneo, aiuta il cuore infartuato ad autorigenerarsi, perché apporta beta-glucano idrosolubile, una sostanza che favorisce la nascita di nuovi vasi sanguigni in caso di stress ossidativo.

 

orzo_spighe

 

Lo studio, pubblicato sul Journal of cellular and molecular medicine e presentato all’ultimo congresso della Società europea di cardiologia, ha mostrato che il trattamento delle cellule endoteliali cardiache con beta-glucano d’orzo aumenta i livelli della “manganese superossido-dismutasi”, enzima essenziale per le difese antiossidanti e per l’abilità riparatrice delle cellule progenitrici endoteliali.

 

“L’endotelio che riveste le coronarie di un uomo adulto – spiega Lionetti – difficilmente genera nuovi vasi in un cuore infartuato. E la scarsa capacità angiogenica delle cellule endoteliali adulte è anche alla base della scarsa capacità auto-riparativa del cuore adulto”.

 

“Il lavoro della Scuola Sant’Anna dimostra anche – prosegue Lionetti – che la natura spesso offre i rimedi per molte malattie, come il danno cardiaco da infarto, ma occorre cercarli”.

 

In commercio si trova facilmente l’orzo perlato, cioè privato del pericarpo e dei tegumenti, e l’orzo mondo o decorticato. Il primo è meno ricco di nutrienti in quanto l’eliminazione dei tegumenti esterni diminuisce l’apporto di proteine (dal 10 all’8,2 per cento), oltre che dei grassi, dei sali minerali e delle vitamine. L’orzo è un cereale rinfrescante, che migliora il tono dell’umore, favorisce l’attività psicofisica e facilita la concentrazione. E’ inoltre facilmente digeribile. Alla luce di questa nuova ricerca, un creale sicuramente da riscoprire in cucina.

Fonte www.lifegate.it


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Sapere è un Dovere.
⇒ Iscrivetevi subito ⇐