2577
– Chiara Comini –

David Daleiden, 26 anni, è oggi il maggior nemico per il colosso degli aborti Planned Parenthood Federation.




Rivelando il coinvolgimento dell’azienda nella gigantesca attività di commercio di organi e tessuti di bambini, il giornalista è divenuto il principale bersaglio della società.

Lo scandalo, di cui TV e testate giornalistiche della propaganda si guardano bene dal parlare, è velocemente divenuto di dominio pubblico in tutto il mondo grazie ai 5 video (dei 12 esistenti) messi in rete da Daleiden.

Il giovane era considerato dalla Planned Parenthood come uno dei tanti sostenitori: lui e i suoi colleghi stavano infatti lavorando sotto coperturta per il Center for Medical Progress (CMP).




A seguito della prima pubblicazione del video che in pochi giorni ha contato oltre due milioni di visualizzazioni, Planned Parenthood si è trovata colta alla sprovvista.

Dopo scuse a dir poco discutibili, in cui il presidente ha chiesto perdono per “il tono” del Dr. Deborah Nucatola usato nel parlare della vendita dei tessuti fetali abortiti, è partita la vendetta nei confronti del “traditore”: l’avvocato del colosso americano ha infatti pubblicato 5 pagine in cui Daleiden viene accusato di vari capi, tra cui molestie alla Planned Parenthood e una probabile modifica ingannevole dei video messi in circolzione.

La pubblicazione dei sette video rimanenti è inoltre stata bloccata da due cause: una avanzata dalla StemExpress, uno dei principali collaboratori di Planned Parenthood « per raccogliere le parti del corpo»[Cit.]; la seconda dalla National Abortion Federation.

Le due società hanno denunciato il CMP per aver diffuso informazioni riservate senza consenso degli interessati, e ottenuto la sospensione della pubblicazione dei video restanti.

Ovvia la preoccupazione di Planned Parenthood e colleghi:  dopo l’uscita del reportage una commissione della Camera e almeno due Stati hanno avviato indagini: Questo video è ripugnante e strappa il cuore“, hanno dichiarato i leader repubblicani della Energy and Commerce Committee.

L’indagine del Congresso è stata annunciata dal presidente della Camera John A. Boehner, che ha invitato l’amministrazione Obama a denunciare e fermare queste pratiche raccapriccianti“.

Nel frattempo David Daleiden prosegue coraggiosamente il suo impegno pro-life iniziato all’età di 15, nonostante abbia raccontato di vivere pedinato e minacciato a seguito dello

È un paradosso che non possiamo avere leggi che riconoscono bambini non ancora nati come esseri umani e tuttavia, è la loro stessa umanità che li rende preziosi per la sperimentazione”, ha dichiarato in una recente intervista al NC Register.

Il timore per le minacce viene compensato dal sostegno di tante persone di tutto il mondo. La propaganda ci presenta Planned Parenthood come gruppo filantropico, idea che molti hanno cambiato dopo aver visto questi video. Speriamo adesso che le istituzioni chiamate in causa intervengano per porre fine a questo scempio.

Fonte: www.losai.eu

Non perdetevi i nuovi aggiornamenti, seguiteci nella App per cellulari 




CONTINUA A LEGGERE >>