In una zona rurale principalmente dedita all’agricoltura e la risicoltura, in pochi si possono permettere di stare a casa per prendersi cura esclusiva dei figli: già riuscire a mandarli a scuola può essere considerata una fortuna, un privilegio.
In questo caso, un po’ come la storia del bambino cinese giunto in classe letteralmente congelato ma determinato a non saltare un test, il piccolo Justin, delle Filippine, non ha esitato a chiedere di poter partecipare alla lezione con la sua sorellina di nemmeno due anni pur non di non risultare assente.

Una scena che l’insegnante non ha esitato a condividere sulla pagina Facebook della scuola.
Signora maestra, non voglio saltare la lezione. Ho portato la mia sorellina perché nonna è a lavoro in fattoria e oggi non c’è nessuno che possa prendersi cura di lei“. Ha giustificato così, il piccolo Justin, che frequenta la prima elementare nell’Istituto Salvacion Elementary School(municipalità di Magallanes), il suo inconsueto arrivo alla campanella del mattino.




L’insegnante Mamlei, che ha concesso il permesso ben volentieri, ha commentato la scena scrivendo: “Quando fai di un sogno per il futuro il motivo per non assentarsi da scuola per nessun motivo: ecco qualcosa da cui tutti dovremmo imparare“.

Sette anni, tanti voglia di studiare e un cuore tenero: al piccolo Justin non possiamo che fare un immenso in bocca al lupo per il suo avvenire.

Fonte: www.curioctopus.guru 




Tratto da: www.buzzstory.guru