di D. F.

La Biancaloni di Prato ha deciso di riconoscere un bonus di 3mila euro a tutti i lavoratori.

C’è chi dona ai dipendenti un pacco con spumante e panettone, chi opta per un buono acquisto su Amazon e chi, come i titolari della Biancaloni di Prato, ha deciso di riconoscere ai lavoratori un bonus economico in aggiunta alla tredicesima: benché l’azienda, specializzata nella realizzazione di macchine per la lavorazione tessile, non abbia voluto comunicare ufficialmente l’importo i quotidiano toscano Il Tirreno ha deciso di voler approfondire e scoperto che si tratta di 3mila euro. Una cifra decisamente alta, giustificata dai risultati conseguiti nel 2017.





SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM


Quest’anno la Biancalani ha compiuto sessanta anni di attività e – stando ai dati comunicati da Confindustria Toscana – il 2017 è stato un ottimo anno per tutto il comparto meccanotessile pratese, con ordini che si sono moltiplicati ed esportazioni che raramente in passato erano state così generose: +4,3% e +5,5% rispetto al 2016. Di fronte a questi numeri i dirigenti della Biancalani hanno deciso di premiare i lavoratori, cioè i primi artefici del successo: “Teniamo molto ai rapporti con i dipendenti e da sempre coltiviamo buone relazioni sindacali – spiega il presidente del cda Rossano Biancalani – Un’azienda è fatta di persone, che siano titolari e dipendenti: ci muoviamo tutti nella stessa direzione. Se il lavoratore sta bene, l’azienda è la prima a beneficiarne”.

Dopo aver attraversato la crisi economica negli ultimi due anni la Biancalani ha vissuto un periodo fortunato, con decine di assunzioni e infine il premio di produttività, che è stato possibile grazie alla firma di un accordo per l’integrativo aziendale avvenuta nell’aprile scorso con l’avallo dei sindacati Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil. E, come spiega Il Tirreno, “non finisce qui. Recependo il nuovo contratto dei metalmeccanici siglato a livello nazionale un anno fa, nel 2017 Biancalani ha erogato ai suoi dipendenti la prima delle tre tranche di buoni d’acquisto pari a 150 euro a lavoratore, che diventeranno 200 nel 2018 e 250 nel 2019”.

Fonte: www.fanpage.it

CONTINUA A LEGGERE >>



SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM