1783

1783SE TANTE VOLTE SI LEGGONO CASI DI CRONACA IN CUI GLI IMMIGRATI NON FANNO BELLE FIGURE, BISOGNA SEMPRE RICORDARE CHE LE GENERALIZZAZIONI SONO SBAGLIATE. TRA GLI IMMIGRATI CI SONO TANTE BRAVE PERSONE, COME QUESTO SIGNORE.

ROMA. 32ENNE BENGALESE SI TUFFA NEL TEVERE SALVANDO UNA DONNA CHE TENTA IL SUICIDIO. LA POLIZIA DI STATO LO “PREMIA” CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO.

Ha visto una donna in balia delle acque del Tevere.

32enne, cittadino del Bangladesh, si è tuffato riuscendo a raggiungerla e poi, con l’aiuto degli agenti della Polizia di Stato intervenuti, a trarla in salvo.

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri sotto Ponte Sublicio, quando una 55enne si è gettata nel Tevere.

La scena è stata notata dal 32enne che non ha esitato a scendere fino alla banchina per poi andare in acqua cercando di raggiungere la donna.



A “recupero” effettuato, l’uomo – con la donna in salvo tra le sue braccia – è riuscito a riavvicinarsi alla riva del fiume.

La donna è stata trasportata direttamente al pronto soccorso del Fatebenefratelli dal gommone dei Vigili del Fuoco.

Il soccorritore è stato invece aiutato dagli agenti del Commissariato Celio, i quali, dopo averlo letteralmente tirato fuori dal Tevere, lo hanno accompagnato negli uffici di Polizia.

In Commissariato l’uomo è stato rifocillato e fatto riposare; completamente “zuppo”, gli sono anche stati forniti abiti nuovi acquistati dagli stessi agenti.

All’uomo – privo di regolari documenti – grazie al suo a dir poco encomiabile e meritorio comportamento, è stato rilasciato un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Fonte

Tratto da: www.losai.eu

Via: www.informarexresistere.fr

Se non ci trovate nei social, cercateci da qui 😉 e mettetelo nei preferiti del vostro Browser




CONTINUA A LEGGERE >>






_______________________________________________________________________

Iscriviti alla Newsletter di Sapere è un Dovere