1766
1766LONDRA – Nei salotti televisivi accade spesso di vedere giornalisti di regime e politicanti pontificare sull’enorme successo dell’euro e accusare gli euroscettici di essere dei razzisti ignoranti nonostante i fatti non facciano che dare ragione a questi ultimi.

E indubbiamente tutti coloro che rigettano la propaganda di regime saranno felici di sapere che in molti paesi dell’est europeo l’opposizione alla moneta unica non e’ mai stata cosi’ alta.




Un recente sondaggio fatto dall’Unione Europea (il famoso eurobarometro) ha rivelato che il 70% dei cittadini della repubblica ceca e’ contrario all’adozione dell’euro tant’e’ che il parlamento e’ stato costretto a rinviare l’adozione della moneta unica nonostante molti ministri siano a favore proprio perche’ ignorare l’opinione pubbica e’ diventato impossibile.

Tale opposizione viene confermata da un altro sondaggio fatto dall’Ipsos secondo cui ad essere contro e’ addirittura l’85% della popolazione ceca, un dato che la dice lunga sull’impopolarita’ della moneta unica.

Secondo l’eurobarometro i cittadini cechi sono i piu’ euroscettici ma la loro opposizione all’adozione dell’euro non e’ affatto un caso isolato visto che anche il 66% degli svedesi e il 53% dei polacchi vuole mantenere la propria valuta.




Ovviamente come sempre succede in questi casi tutti i giornali di regime hanno censurato questa notizia perche’ darebbe parecchio fastidio alla nostra classe politica visto che nessuno puo’ sostenere che tutte queste persone siano dei trogloditi ignoranti e probabilmente anche gli italiani se potessero chiederebbero di poter riavere la lira.

Che piaccia o no la moneta unica e’ un esperimento fallito che ha ormai i giorni contati ed e’ solo questione di tempo prima che scoppi come una gigantesca bolla di sapone.

Sempre che si tratti di sapone.

GIUSEPPE DE SANTIS

Fonte: www.ilnord.it