Ogni mattina quest’uomo prendeva un martello e scompariva fino a tarda notte.Tutti pensavano fosse pazzo. Ciò che faceva è stato rivelato solo 22 anni dopo.

Dashrath Manjhi trascorse tutta la vita in un piccolo villaggio indiano. Lui e sua moglie non erano ricchi, ma si sentivano tali, perché l’uno aveva l’altra. Un giorno, la moglie di Dashrath si ammalò, tanto da aver bisogno di un aiuto specialistico. La coppia doveva camminare per 80 km per raggiungere la città più vicina. Volevano arrivarci il prima possibile, ma la strada era pericolosa. Dovevano anche girare attorno ad una montagna, per raggiungere il medico.

Sfortunatamente, la moglie non riuscì a raggiungere i medici.

La perdita della persona a lui più cara fu difficile da accettare, per Dashrath. Non sapeva come andare avanti, senza di lei. Pazzo di dolore, progettò un piano. Trascorse diversi giorni in cerca degli strumenti necessari.

L’idea era quella di scavare la montagna, pezzo per pezzo, e costruire una breve strada che portasse alla città più vicina. Non voleva che la tragedia si potesse ripetere per qualcun altro che viveva nel suo villaggio.

In questa foto vediamo il figlio di Dashrath che mostra gli strumenti del padre.

Il suo incredibile lavoro

Giorno dopo giorno, Dashrath scavò nella montagna. Il suo obiettivo era quello di aiutare il suo villaggio. All’alba, andava alla montagna e tornava la sera, stanchissimo.

Divenne un rituale che ripeté ogni giorno fino a quando morì, nel 2007. La gente pensava che fosse un uomo pazzo che scompariva su per la montagna ogni giorno col suo martello. Solo dopo la sua morte scoprirono quello che stava facendo.




tutti pensavano fosse pazzo 3

Il suo lavoro è stato incredibile. Per 22 anni ha lavorato, riuscendo a scavare un passaggio! Prima servivano 80 km per raggiungere la città più vicina, ed ora, grazie a quell’uomo pazzo, la strada è lunga solo 4 km. La gente può andare a scuola o all’ospedale in un’ora soltanto!
tutti pensavano fosse pazzo 4

Il lavoro di Ashrath ha cambiato le vite di tutti, nel suo villaggio. I bambini hanno avuto la possibilità di andare a scuola, gli adulti hanno trovato lavori migliori in città!

DASHRATH È MORTO COME UN UOMO FRUSTRATO, E IL SUO LAVORO NON È MAI STATO RICONOSCIUTO O PREMIATO, MA OGGI LA GENTE LO RICORDA, ED HA ISPIRATO MOLTI,”

ha commentato un abitante del villaggio.

Fonte: hefty.co

Tratto e tradotto da : perfetto.guru

via: lospillo.info

CONTINUA A LEGGERE >>