Desideriamo condividere con voi una storia incredibilmente commovente. L’australiano Mak Filiser era un vecchietto che morì completamente solo in un ospizio. Non riceveva mai visite e sembrava che non avesse lasciato niente.

Durante gli ultimi giorni di vita Mac scrisse una poesia che fu ritrovata da un’infermiera mentre puliva la sua camera. Quando la lesse il suo volto si rigò di lacrime. Tutti quelli che lessero la poesia di questo vecchietto solo rimasero colpiti nel profondo dei loro cuori. La poesia è talmente straordinaria che aiuta ad aprire gli occhi a quei figli che abbandonano i propri genitori nelle case di riposo.




Ecco ciò che scrisse Mak Filiser:

Vecchio Scorbutico

Che cosa vedi infermiera? ……Che cosa vedi?




Che cosa pensi … mentre mi guardi?

Un vecchio scorbutico, … …non molto saggio,

Dubbioso nel fare .… … . .. con occhi lontani?

Che si sbrodola .. . … . . e non risponde.

Quando dici ad alta voce . .’Provaci, almeno!’

Che sembra non notare …ciò che fai.

E continua a perdere … …… Un calzino o una scarpa?

Che, opponendo resistenza o meno … … ti lascia fare ciò che vuoi,

Con il bagno e con il mangiare … .La lunga giornata da riempire?

È quello che pensi?. .È quello che vedi?

Allora apri i tuoi occhi, infermiera. Tu non mi stai guardando.

Ti dirò chi sono … . .. Mentre sono seduto qui tranquillo,

Mentre obbedisco .… . mentre mangio come vuoi tu.

Sono un bambino di dieci anni . .con una mamma e un papà,

Fratelli e sorelle.… .. . che si amano

Un ragazzo di sedici anni… .. con le ali ai piedi

Che sogna di incontrare al più presto…… la sua anima gemella.

Uno sposo di vent’anni … ..il mio cuore sussulta.

Ricordando le promesse .. .. .che dovevo mantenere.

A venticinque anni… . . ho dei figli miei.

Che hanno bisogno della mia guida … e di una casa sicura e felice.

Un uomo di trenta . .… . . con i figli già cresciuti,

Legati tra loro…. con legami che dovrebbero durare.

A quarant’anni, i miei figli .. .sono adulti e vanno via,

Ma la mia donna è al mio fianco . . e non sono triste.

A cinquant’anni, ancora una volta, .. … i bambini giocano sulle mie ginocchia,

Ancora una volta, siamo circondati da bambini … . La mia adorata donna e io.

Tempi bui si abbattono su di me … . Mia moglie ora non c’è più.

Guardo al futuro … … . rabbrividisco per la paura.

Perché i miei figli sono cresciuti .… e anche i loro figli.

E penso agli anni passati … E all’amore che ho conosciuto.

Adesso sono un uomo vecchio … … .. e la natura è crudele.

È una beffa la vecchiaia … … . sembri un idiota.

Il corpo si sgretola .. .. . la grazie e il vigore ti abbandonano.

C’è una pietra … dove una volta c’era un cuore.

Ma all’interno di questa vecchia carcassa, dimora ancora un giovanotto,

E ora e nuovamente … . . il mio cuore malconcio sussulta

Ricordo le gioie … . .. . Ricordo il dolore.

E sto amando e vivendo … … . la vita di nuovo.

Penso agli anni, troppo pochi …. passati troppo velocemente.

E accetto la cruda realtà … che niente dura in eterno.

Quindi aprite gli occhi, gente.… . .… aprite e vedete.

Non un vecchio scorbutico.

Guardate più da vicino … . vedete .. .…. …. . ME!

Fonte: Fonte: Unknown Remedy

via Fabiosa

Tratto da: meraviglioso.guru

Non perdetevi i nuovi aggiornamenti, seguiteci nella App per cellulari 




CONTINUA A LEGGERE >>